Commenta il progetto

Condividi:

4 Commenti

  1. Fabio Fabbri

    Saluto con estremo favore la nascita del Laboratorio, raro segno di speranza in quest’epoca buia, con un semplice pensiero antico: “Cercare da ogni parte l’utile non s’addice affatto a uomini magnanimi e liberi” (Aristotele, Politica-Libro VIII, 3)

    Fabio

    Replica
    1. Laboratorio Lussignoli

      Caro Fabio, tu sei colpevole di un grave misfatto.
      Ma come: un ingegnere del “fare”, un professionista capace di operare sulle cose e sull’ambiente (certo, tu lo fai perché possa essere salvaguardato e non offeso dalla stupidità dominante, è vero), come si permette di leggere ARISTOTELE: POLITICA – Libro VIII, 3 per ricordare che a “uomini magnanimi e liberi” non s’addice affatto “cercare da ogni parte l’utile”?
      Sei fuori dal tempo, anche perché, lo sai bene, questo stesso nostro amico comune già tre secoli prima di Cristo nel Libro primo al punto 9 rifletteva sulla “crematistica”, sostenendo che ne esista una non necessaria, di cui sembra allora tutti avessero un estremo bisogno, pur non essendo utile per vivere meglio: pensieri che stonano con il clima dei nostri tempi!
      La pena, allora, è che tu debba essere coinvolto, assieme ad altri, in un lavoro di ricerca critica sul senso e sul valore della ricchezza, della finanza e del denaro oggi, nel XXI secolo, esattamente nella SEZIONE ECONOMIA, che il Laboratorio intende sviluppare da subito (tenendo presente, comunque, che sempre noi dopo le diagnosi chiediamo precise terapie, cioè come operare per uscirne fuori).
      So che tu non sei uso a scappare per cui, assieme al grazie più cordiale, aspettati in tempi brevi una cartolina di precetto.

      Ciao.
      A presto.

      Replica
  2. Fabio

    Viviamo tempi decadenti, almeno da queste parti nel cuore del vecchio continente. E’ come se la nostra rincorsa del benessere ci avesse travolto e non sapessimo più cosa davvero sia. Rotoliamo verso un futuro che nessuno sa più neanche immaginare. Viviamo isolati e nella paura. Paura del futuro, paura dell’altro, del diverso. Quando qualche migliaio di anni fa i primi pensatori cominciarono a chiedersi su cosa potesse fondarsi la vita comune elaborarono il concetto di bene comune. Si chiesero cosa potesse essere utile e necessario condividere all’interno di una comunità, di uno stato e come farlo. Ci siamo persi, dobbiamo ripartire da lì!

    Replica
  3. Elio Marniga

    Non sapevo della vostra esistenza fino ad oggi, quando ho assistito alla presentazione del libro di Bruno Bruno Bertoli che ho cominciato ora a leggere. Interessante il libro, anche se fin dalla presentazione non sono in accordo. Ma questo poco conta.Cercherò di seguirvi. Buon lavoro.

    Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *